Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Lo scrittore Matteo Cavezzali incontra i ragazzi del Polo

Contenuto in: 

Durante la mattinata del 31 gennaio gli studenti di alcune classi del Polo hanno incontrato lo scrittore ravennate Matteo Cavezzali che ha narrato la storia di Mario Buda, protagonista del suo ultimo romanzo “Nero d’inferno” pubblicato con Mondadori. La vicenda di Mario Buda, considerato il primo terrorista della storia, romagnolo anarchico immigrato in America agli inizi del Novecento, si è intrecciata con tematiche che riguardano la storia della nostra migrazione, le dure condizioni di sfruttamento, il razzismo nei confronti degli italiani e le motivazioni che hanno portato l’autore a interessarsi di questa storia. I ragazzi si sono mostrati particolarmente incuriositi dal fatto che si stia già lavorando a una serie di Netflix tratta da questo romanzo. Anche le vicende di Sacco e Vanzetti si sono intrecciate alla storia di Mario Buda, che era diventato un caso poliziesco internazionale. Cavezzali ha spiegato ai ragazzi che, per avere fonti più attendibili, è riuscito ad accedere ai faldoni conservati negli archivi dell’FBI. Numerose domande riguardanti la sua attività di scrittore e i progetti futuri sono state rivolte allo scrittore che ha saputo coinvolgere gli studenti con una vicenda che risale a un secolo fa ma tocca molte problematiche etiche del presente.

 

 

 

Sito realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.